IL GIOCO DELLA SABBIA NELLA TERAPIA CON I BAMBINI

di Iolanda Stocchi


La Pazienza dello Sguardo

la biblioteca di VIVARIUM


Iolanda Stocchi,

nata a Venezia nel 1961. Laureata in Filosofia e Psicologia. Psicologa e Psicoterapeuta junghiana, vive a Milano dove lavora con adulti e bambini utilizzando il Gioco della Sabbia. Già consigliere dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia, ha collaborato con il S.I.M.E.E, con Comunità di recupero delle dipendenze e con la Sezione femminile del carcere di San Vittore di Milano dove ha portato negli anni novanta il Gioco della Sabbia. La sua pratica è ora prevalentemente clinica e
privata. Svolge attività seminariali e di docenza presso scuole di psicoterapia e associazioni. Ha pubblicato il volume Il Silenzio delle Sirene. Figurazioni della psiche femminile, La biblioteca di Vivarium, 2005. Ha pubblicato diversi saggi e articoli su libri e riviste tra cui la Rivista di Psicologia Analitica.


In copertina: Ex-voto: la Pazienza dello Sguardo.


Perché un libro sul Gioco della Sabbia con i bambini? Perché tutti noi, in qualche modo, ci portiamo dentro un bambino che è stato ferito perché non ha incontrato lo sguardo giusto che gli ha permesso di esistere. Questo libro nasce dal desiderio di parlare del Gioco della Sabbia — una pratica terapeutica junghiana che si fonda sulla funzione di autoguarigione dell’inconscio attraverso la produzione di immagini e il ruolo creativo delle mani — e della sua importanza terapeutica sia con i bambini, sia con gli adulti. L’immagine infatti anticipa e trova soluzioni. L’immaginazione è il processo e il contenitore. Mi sono sempre chiesta che cosa sentiamo quando guardiamo. Penso che la dimensione del vedere sia molto vicina a quella del sognare. Guardare è sognare? La questione dello Sguardo è oggi di grande rilevanza, non solo nell’ambito psicoanalitico, ma più in generale in quello antropologico e culturale. Il mio approccio al Gioco della Sabbia si avvale di molteplici sguardi e letture, in una sorta di montaggio- collage che aiuterà a guardarlo in un’altra luce
e a vederne anche la sua grande attualità poiché il nostro tempo è dominato sia dall’ipertrofia della parola sia da immagini idolatrate o, al lato opposto, immagini spazzatura. Qual è allora lo Sguardo adeguato per comprendere e ri-velare quella misteriosa necessità della psiche di oggettivarsi nei sogni, nelle immagini, nell’arte? Abbiamo necessità della Pazienza dello Sguardo.

“Tutto ciò di cui siamo consapevoli è un’immagine, e l’immagine è psiche”.

C. G . Jung


LOCANDINA DELL’EVENTO

Unisciti alla nostra Community

Iscriviti gratuitamente al forum AISPT

SEDE LEGALE
Via Melchiorre Gioia 41, 20124 Milano
P.IVA 96135700589
aispt.associazione@gmail.com
comitato-formazione@aispt.it
aispt@posta-pec.net
SITEMAP

CHI SIAMO

L’AISPT, espressione italiana della International Society for Sandplay Therapy ISST, si occupa di formazione, ricerca, condivisione di esperienze e conoscenze sulla psicologia con il metodo del Gioco della Sabbia, all’interno di una rete internazionale che facilita lo studio, la discussione specialistica e lo scambio tra i terapeuti. La Sandplay Therapy fornisce un linguaggio simbolico anche a chi non ha parole per esprimere il proprio malessere, consentendo di rappresentare il mondo interno così come si è costellato.

Registrati su AISPT

Scambia pareri con colleghi e professionisti all'interno dei nostri forum di discussione. Partecipare è semplice e gratuito, basta iscriversi.

Registrati gratuitamente