Incontro Intergruppi – San Vito in Fior di Selva 14 – 16 settembre 2012


<! Il terzo incontro dei gruppi di ricerca sulla Sandplay Therapy ha permesso di evidenziare il consolidamento del lavoro di strutturazione dei diversi gruppi attivi all’interno dell’AISPT. Il lavoro svolto a San Vito ha permesso la condivisione delle riflessioni sulle tematiche specifiche di ciascun gruppo e ha coinvolto tutti i partecipanti in una produttiva discussione sui vari temi proposti, indipendentemente dalla affiliazione ad ogni singolo gruppo, in un clima di grande apertura e libertà. Si è quindi meglio delineata e approfondita la tendenza, che già era emersa nell’incontro dello scorso anno, alla strutturazione e consolidamento di una nuova entità, trasversale ai singoli gruppi già operanti, che proponiamo di chiamare “Gruppo di lavoro di San Vito in Fior di Selva”. Per passare ad un più articolata descrizione delle giornate, dopo un gradevole ed affettuoso momento conviviale rappresentato dalla cena di venerdì sera, sabato mattina abbiamo aperto i lavori alla presenza del Presidente dell’AISPT Dr.Stefano Marinucci, che ha partecipato attivamente alla discussione per tutta la giornata. La prima relazione è stata proposta dal gruppo di Firenze su “Il Caos rappresentato nelle immagini della Sandplay Therapy: elaborazione e gestione del controtransfert da parte del terapeuta”. Ne è emersa una profonda e articolata riflessione, attraverso le immagini della sabbia, sull’aspetto dinamico del caos e sulla possibilità che esso contenga in sé un principio ordinatore. Il gruppo di Milano ha proposto le sue riflessioni sulla ricerca dell’Ombra del terapeuta attraverso il processo del paziente. Dopo una esposizione teorica sul significato dell’Ombra in generale, si è appuntata l’attenzione sull’Ombra sia personale che professionale del terapeuta, ricercata attraverso le immagini prodotte dal paziente nella sabbiera. Il gruppo di Roma, di ritorno da San Pietroburgo, ha proposto una sintesi del lavoro presentato al convegno IAAP svoltosi in quella città sul tema del “Borderland”. Ha inoltre preannunciato il progetto di lavoro del prossimo anno che riguarderà l’aggressività femminile. La Dr. Carla Cioffi, presente in rappresentanza del gruppo “Sabbie in movimento” di Roma, ha esposto l’attività del suo gruppo, che negli ultimi due anni ha approfondito il tema della luce e dell’ombra del femminile, affiancando alle immagini delle sabbie quelle delle fiabe. L’intervento è terminato con il racconto della fiaba siciliana “Sventura”. Infine il gruppo di Torino ha esposto le difficoltà incontrate nel far emergere una stimolante e positiva dinamica nel gruppo e ad individuare un tema condiviso di ricerca. Dall’ascolto delle relazioni dei diversi gruppi e dalla successiva discussione si rilevata la necessità che ogni caso venga presentato personalmente dal terapeuta che lo ha seguito, poiché solo così possono essere trasmessi i vissuti emotivi implicati nella relazione controtransferale con il paziente. Ne discende un invito ad una più numerosa e diretta partecipazione agli incontri del gruppo. Si è deciso che il prossimo anno, vista la vicinanza con il Congresso ISST a Venezia, l’annuale incontro alla tenuta San Vito non avrà luogo. Tuttavia cercheremo di trovare nell’ambito del Congresso uno spazio che permetta ai membri del gruppo di incontrarsi per aggiornarsi brevemente sul procedere dei lavori di ricerca e preparare l’incontro dell’anno successivo. Si è inoltre avanzata l’ipotesi che il Gruppo Eventi organizzi un incontro in cui vengano presentati ad un pubblico più ampio i lavori di ricerca delle varie componenti del gruppo di lavoro di San Vito. –:–>   Il terzo incontro dei gruppi di ricerca sulla Sandplay Therapy ha permesso di evidenziare il consolidamento del lavoro di strutturazione dei diversi gruppi attivi all’interno dell’AISPT.

   Il lavoro svolto a San Vito ha permesso la condivisione delle riflessioni sulle tematiche specifiche di ciascun gruppo e ha coinvolto tutti i partecipanti in una produttiva discussione sui vari temi proposti, indipendentemente dalla affiliazione ad ogni singolo gruppo, in un clima di grande apertura e libertà. Si è quindi meglio delineata e approfondita la tendenza, che già era emersa nell’incontro dello scorso anno, alla strutturazione e consolidamento di una nuova entità, trasversale ai singoli gruppi già operanti, che proponiamo di chiamare “Gruppo di lavoro di San Vito in Fior di Selva”.

   Per passare ad un più articolata descrizione delle giornate, dopo un gradevole ed affettuoso momento conviviale rappresentato dalla cena di venerdì sera, sabato mattina abbiamo aperto i lavori alla presenza del Presidente dell’AISPT Dr.Stefano Marinucci, che ha partecipato attivamente alla discussione per tutta la giornata.

   La prima relazione è stata proposta dal gruppo di Firenze su “Il Caos rappresentato nelle immagini della Sandplay Therapy:  elaborazione e gestione del controtransfert da parte del terapeuta”. Ne è emersa una profonda e articolata riflessione, attraverso le immagini della sabbia, sull’aspetto dinamico del caos e sulla possibilità che esso contenga in sé un principio ordinatore.

   Il gruppo di Milano ha proposto le sue riflessioni sulla ricerca dell’Ombra del terapeuta attraverso il processo del paziente. Dopo una esposizione teorica sul significato dell’Ombra in generale, si è appuntata l’attenzione sull’Ombra sia personale che professionale del terapeuta, ricercata attraverso le immagini prodotte dal paziente nella sabbiera.

   Il gruppo di Roma, di ritorno da San Pietroburgo, ha proposto una sintesi del lavoro presentato al convegno IAAP svoltosi in quella città sul tema del “Borderland”. Ha inoltre preannunciato il progetto di lavoro del prossimo anno che riguarderà l’aggressività femminile.

   La Dr. Carla Cioffi, presente in rappresentanza del gruppo “Sabbie in movimento” di Roma, ha esposto l’attività del suo gruppo, che negli ultimi due anni ha approfondito il tema della luce e dell’ombra del femminile, affiancando alle immagini delle sabbie quelle delle fiabe. L’intervento è terminato con il racconto della fiaba siciliana “Sventura”.

   Infine il gruppo di Torino ha esposto le difficoltà incontrate nel far emergere una stimolante e positiva dinamica nel gruppo e ad individuare un tema condiviso di ricerca.

   Dall’ascolto delle relazioni dei diversi gruppi e dalla successiva discussione si rilevata la necessità che ogni caso venga presentato personalmente dal terapeuta che lo ha seguito, poiché solo così possono essere trasmessi i vissuti emotivi implicati nella relazione controtransferale con il paziente. Ne discende un invito ad una più numerosa e diretta partecipazione agli incontri del gruppo.

   Si è deciso che il prossimo anno, vista la vicinanza con il Congresso ISST a Venezia, l’annuale incontro alla tenuta San Vito non avrà luogo. Tuttavia cercheremo di trovare nell’ambito del Congresso uno spazio che permetta ai membri del gruppo di incontrarsi per aggiornarsi brevemente sul procedere dei lavori di ricerca e preparare l’incontro dell’anno successivo.

   Si è inoltre avanzata l’ipotesi che il Gruppo Eventi organizzi un incontro in cui vengano presentati ad un pubblico più ampio i lavori di ricerca delle varie componenti del gruppo di lavoro di San Vito.

Unisciti alla nostra Community

Iscriviti gratuitamente al forum AISPT

SEDE LEGALE
Via Melchiorre Gioia 41, 20124 Milano
P.IVA 96135700589
aispt.associazione@gmail.com
comitato-formazione@aispt.it
aispt@posta-pec.net
SITEMAP

CHI SIAMO

L’AISPT, espressione italiana della International Society for Sandplay Therapy ISST, si occupa di formazione, ricerca, condivisione di esperienze e conoscenze sulla psicologia con il metodo del Gioco della Sabbia, all’interno di una rete internazionale che facilita lo studio, la discussione specialistica e lo scambio tra i terapeuti. La Sandplay Therapy fornisce un linguaggio simbolico anche a chi non ha parole per esprimere il proprio malessere, consentendo di rappresentare il mondo interno così come si è costellato.

Registrati su AISPT

Scambia pareri con colleghi e professionisti all'interno dei nostri forum di discussione. Partecipare è semplice e gratuito, basta iscriversi.

Registrati gratuitamente