Sandplay Therapy e Psicologia Analitica – Firenze 4 e 5 ottobre 2014

Si è svolto a Firenze nei giorni 4 e 5 ottobre l’incontro di quello che era stato denominato il gruppo di San Vito, dal luogo dove ci eravamo fino ad ora riuniti. Questa volta ci siamo incontrati nel centro di Firenze, per rendere più facilmente accessibile il luogo dell’incontro e ridurre i costi.

Il sabato la Dr. Palma, partendo dal caso clinico di un bambino adottato, ha sviluppato una riflessione sul trauma e su come esso si presenta e si elabora nella sabbiera. Il caso e le sue implicazioni cliniche e teoriche sono stati oggetto di una articolata e vivace discussione nel gruppo.

Successivamente la Dr. Sampaolo e la Dr. Rocco hanno relazionato sulla tematiche affrontate nel loro gruppo di lavoro che sta portando avanti una riflessione sulle molteplici problematiche evocate dai “casi difficili”.

Nella mattinata di domenica sono state discussi i problemi legati all’organizzazione dell’incontro annuale, nell’intento di renderlo un momento sempre più proficuo di scambio di esperienze e riflessioni e di estendere la partecipazione, arricchendo il gruppo con nuove e differenti esperienze.  Ulteriori riflessioni riguardo alla funzione e alle prospettive del gruppo sono inoltre emerse nel corso dell’assemblea dell’AISPT tenuta a Milano il 26/10.

Il gruppo, che possiamo  a questo punto denominare “Sandplay Therapy e Psicologia Analitica”, si propone di portare avanti un confronto clinico e teorico sulle tematiche di volta in volta individuate, a cui ogni socio dell’AISPT è invitato ad apportare il suo contributo in base alla propria personale esperienza ed ai propri ambiti di riflessione. Si è inoltre proposto di caratterizzare l’incontro di Firenze come il luogo di elaborazione di iniziative volte a far conoscere ad un pubblico più vasto il lavoro di ricerca e riflessione portato avanti dalla Società. Si è quindi deciso che, in occasione delle giornate dedicate alla discussione delle tesi e alle riunioni istituzionali a Roma e Milano, verrà aggiunto ogni volta un venerdì dedicato alla presentazione di relazioni su uno specifico tema. Inoltre ci si propone di organizzare ogni due anni, alternati rispetto ai Congressi ISST, un convegno dedicato ad un tema specifico aperto anche ad apporti esterni alla Società. I dettagli di queste iniziative verranno al più presto inviate a tutti i soci.

Dopo una articolata discussione si è deciso inoltre un indirizzo di ricerca per il prossimo incontro, che si svolgerà sempre a Firenze nei giorni 3 e 4 ottobre 2015. Prendendo ispirazione dal lavoro delle colleghe di Roma, il gruppo ha individuato come filo conduttore “casi difficili”, proponendo quindi una riflessione su quei casi che presentano problematiche complesse sotto molteplici possibili aspetti. Ci è sembrato che questa indicazione fosse sufficientemente ampia da lasciare spazio alla ricerca che ciascuno, individualmente o in gruppo, sviluppa nel suo ambito. Al tempo stesso abbiamo ritenuto che indicare un indirizzo di ricerca fosse uno stimolo a focalizzare l’attenzione e la riflessione nell’anno che ci separa dal prossimo incontro.

Si è infine deciso che dal prossimo incontro il compito di coordinare e organizzare il gruppo verrà assunto dalla Dr. Ezia Palma.

Ringrazio per la collaborazione e il sostegno ricevuti in questi anni nel tenere viva e far crescere questa esperienza e auguro a tutti i soci un anno proficuo e sereno nel lavoro e nella vita.

Unisciti alla nostra Community

Iscriviti gratuitamente al forum AISPT

SEDE LEGALE
Via Melchiorre Gioia 41, 20124 Milano
P.IVA 96135700589
aispt.associazione@gmail.com
comitato-formazione@aispt.it
aispt@posta-pec.net
SITEMAP

CHI SIAMO

L’AISPT, espressione italiana della International Society for Sandplay Therapy ISST, si occupa di formazione, ricerca, condivisione di esperienze e conoscenze sulla psicologia con il metodo del Gioco della Sabbia, all’interno di una rete internazionale che facilita lo studio, la discussione specialistica e lo scambio tra i terapeuti. La Sandplay Therapy fornisce un linguaggio simbolico anche a chi non ha parole per esprimere il proprio malessere, consentendo di rappresentare il mondo interno così come si è costellato.

Registrati su AISPT

Scambia pareri con colleghi e professionisti all'interno dei nostri forum di discussione. Partecipare è semplice e gratuito, basta iscriversi.

Registrati gratuitamente